Banca dati delle quotazioni immobiliari

OMI – Osservatorio del mercato immobiliare

La Banca dati delle quotazioni immobiliari OMI, definisce un paramento statistico di massima per la valutazione immobiliare sul territorio naizonale, basato su rilevazione statistica dell’Agenzia delle Entrate e soggetti privati.

Valori OMI delle quotazioni immobiliari

L’Osservatorio del Mercato Immobiliare cura la gestione e la pubblicazione:

  • della banca dati delle quotazioni immobiliari che fornisce sull’intero territorio nazionale le quotazioni dei valori degli immobili e delle locazioni
  • dei volumi di compravendita immobiliare, che riportano dati sulle compravendite di immobili del settore residenziale e non residenziale, forniti a livello nazionale con dettaglio provinciale e comunale.
Inoltre, l’Osservatorio pubblica i Valori Agricoli Medi acquisiti dalle delibere delle Commissioni provinciali espropri.

Quotazioni immobiliari Omi su mappa

Il framework cartografico denominato GEOPOI, realizzato dalla SOGEI, consente la consultazione delle quotazioni per indirizzo, comune e zona OMI attraverso la navigazione sulla cartografia. Gli utenti, infatti, con l’ausilio di apposite funzionalità di ricerca per indirizzo e pan/zoom, potranno accedere alle quotazioni OMI navigando sul territorio.

Quotazioni semestrali OMI

Le quotazioni immobiliari semestrali individuano, per ogni delimitata zona territoriale omogenea (zona OMI) di ciascun comune, un intervallo minimo/massimo. I valori sono espressi per unità di superficie in euro al mq, dei valori di mercato e locazione, per tipologia immobiliare e stato di conservazione.

Quando per una stessa tipologia, sono valorizzati più stati di conservazione, è comunque specificato quello prevalente. In particolare:

  • per Box, Posti auto ed autorimesse

non risulta significativo il diverso apprezzamento del mercato secondo lo stato conservativo;

  • per Negozi e Centri commerciali il giudizio Ottimo (O) / Normale (N) / Scadente (S)

è da intendersi riferito alla posizione commerciale e non allo stato conservativo dell’unità immobiliare.

Le quotazioni OMI, disponibili in un semestre, sono relative ai comuni censiti negli archivi catastali. E’ quindi, possibile che l’elenco dei comuni presenti in Banca Dati differisca nei diversi semestri per effetto di variazioni circoscrizionali (in esito alle quali sono costituiti nuovi comuni e soppressi altri).

Valori OMI nelle stime immobiliari

Si avverte che nell’ambito delle stime immobiliari, le quotazioni OMI non possono intendersi sostitutive della stima puntuale, in quanto forniscono indicazioni di valore di larga massima. Solo la stima effettuata da un perito tecnico professionista, può rappresentare e descrivere in maniera esaustiva e con piena efficacia l’immobile e motivare il valore da attribuirgli.

I valori minimi e massimi rappresentano l’ordinarietà, pertanto, non sono incluse nell’intervallo le quotazioni riferite ad immobili di particolare pregio o degrado o che comunque presentano caratteristiche non ordinarie per la tipologia edilizia della zona di appartenenza.

Consultazione della banca dati dei valori immobiliari

E’ possibile consultare le quotazioni in base a semestre, Provincia, Comune, zona OMI e destinazione d’uso. La consultazione delle quotazioni avviene attraverso due modalità di interrogazione:

Modalità classica

Consente la consultazione delle quotazioni per semestre, provincia, comune, zona OMI e destinazione;

Modalità cartografica

Consente, attraverso il framework cartografico denominato GEOPOI (realizzato dalla SOGEI), la consultazione delle quotazioni individuando sulla mappa la zona OMI di interesse.

Come vengono rilevati i valori presenti nella banca dati dei valori immobiliari?

L’attività di rilevazione ed elaborazione dei dati sul territorio nazionale ai fini della determinazione delle quotazioni immobiliari è svolta dalle strutture provinciali dell’Agenzia. Presso ciascun ufficio operano dei tecnici rilevatori del mercato immobiliare, che svolgono attività diretta secondo Piani Operativi di Rilevazione, i cui obiettivi sono stabiliti all’inizio di ogni anno.

Associazioni professionali

L’attività degli uffici provinciali si avvale anche della rete costituita dai rapporti di collaborazione siglati dall’Agenzia con alcune importanti associazioni e ordini professionali al fine di garantire, in modo stabile e trasparente, fonti informative necessarie a svolgere le indagini di mercato, nonché la partecipazione degli operatori tecnici e di mercato al Comitato Consultivo Tecnico.

Associazioni degli intermediari immobiliari

L’Agenzia ha ritenuto importante costruire un rapporto di collaborazione, su base strutturale, stabile e visibile, in particolare con le associazioni degli intermediari immobiliari. La collaborazione prevede un’attività operativa sinergica, per l’ampliamento dei flussi informativi, per il miglioramento e lo sviluppo della rilevazione.

L’agenzia coopera nella ricerca degli elementi tecnico economici contenuti in apposite schede di rilevazione e nella fornitura delle indicazioni dell’andamento del mercato immobiliare.

Superficie commerciali e Consultazione banca dati OMI

La banca dati OMI è consultabile in relazione alla superficie commerciale dell’immobile. Il calcolo della superficie commerciali lorda segue però dei parametri che possono differire da una tipologia di immobile rispetto ad un altro

Visure catastali dell’immobile per ricavare la superficie commerciale

Seppure i dati OMI possano risultare esaustivi e indicativi, è chiaro che per una stima vanno rapportati alla superficie commerciale dell’immobile e per scoprirla va necessariamente estratta una visura catastale. E’ possibile ottenere la visura catastale dell’immobile, ricercandolo per indirizzo, codice fiscale del proprietario oppure direttamente con i riferimenti catastali.

2020-09-20